Ernest Hemingway – Fiesta

Ernest Hemingway (Oak Park, Illinois, 21 luglio 1899 – Sun Valley, Idaho, 2 luglio 1961) è stato uno scrittore statunitense Premio Nobel per la letteratura nel 1954.

Il romanzo Fiesta viene ispirato da una visione della corrida a Pamplona in Spagna per la fiesta di San Fermin. Il titolo era il sole sorge ancora..

Vive fino a quasi 62 anni e muore suicida (aveva scoperto di avere un cancro) dopo aver avuto 4 mogli. Uno dei migliori scrittori americani di tutti i tempi ed io mi cimento nella lettura di Fiesta, uno dei suoi più grandi successi.

Il libro è dedicato a Hadley e a John Hadley Nicanor che sono rispettivamente la sua prima moglie ed il suo primo figlio.

Fiesta è il racconto del suo viaggio e dei suoi amici che vanno a vedere la corrida. Hemingway incrocia molte storie d’amore ed il punto forte sono i dialoghi. Davvero spettacolari.

Hemingway ha un modo di scrivere che ti strascina fino al fondo della pagina per correre a girare la pagina.

Fiesta è davvero un bel libro, lui descrivere perfettamente gli ambienti spagnoli e francesi.

Mi è piaciuto molto.

“E’ facile reagire con freddezza alle cose durante il giorno, ma di notte è tutto un altro discorso”
Enrest Hemingway – Fiesta

Ho trovato una notizia curiosa da Repubblica: ‘El Pilar’ tonerà a navigare.
Cuba ripara la barca di Hemingway

Hemingway

PILAR, il barcone di Hemingway, giace da mezzo secolo poco lontano dallo chalet di Finca Vigía, la casa sulle colline di San Francisco de Paula, a 12 chilometri dall’Avana, che lo scrittore americano abitò nei suoi lunghi anni cubani, dal 1939 al ’60. È appoggiato su due grossi assi di legno e pende leggermente verso destra lungo la stradina dove Hemingway inseguiva, sbronzo, di notte, Ava Gardner fino alla piscina.

Continua e scopri come Fidel Castro riparerà la barca e tutto il resto della villa, con oltre 9000 libri.


Tags:

Non perderti gli altri articoli di questo blog, sottoscrivi il Feed RSS. Seguimi su Twitter e FriendFeed.
Da Febbraio 2009 ad oggi: 3.184 views | Lascia un commento | RSS dei commenti | TrackBack URL

Dai uno sguardo in basso, hai molte opzioni per interagire, discutere e condividere questo articolo.

Segnalalo via Email Segnalalo via Email Print This Post Print This Post

6 commenti »

  1. Vote -1 Vote +1lella
    scrive:

    ciao tappetì, e ke!! nn faccio in tempo a vederti ke sei di nuovo la!!! eheheh fai bene! io sn scesa a casa ke nn ci scendevo dal rientro dalle vacanze di natale….divertiti tanto tanto anche per me, al tuo rientro ci saranno delle novità sulla mia vita privata ke logicamente nn scrivo qua ( se no nn sarebbe + privata! :p)…cose belle s’intende!t avevo provato a kiamare giorni addietro propio x dirtele di persona, beh aspetteranno!!!
    martedì vado a trovare ely così aggiorno anche lei…

    ora ti lascio su questo blog i miei saluti ed un bacio forte forte…mi riconnetto x gli auguri di pacqua!!!

    ps. cmq mi incuriosiscono i pesci cn i piedini se mi potresti aggiornare cn qualke notizia in +…mi viene difficile immagginarli :)

    lella

    RispondiRispondi
  2. Vote -1 Vote +1Giorgiotave
    scrive:

    :D

    Non vedo l’ora, torno in Calabria dal 1 maggio al 10 e poi per tutto giugno :D

    Sti pesciolini non sono riuscito a fotografarli ;)

    RispondiRispondi
  3. Vote -1 Vote +1rotfl
    scrive:

    Fiesta è davvero stupendo. Dello stesso autore ti consiglio anche “Addio alle Armi” e “il vecchio e il mare”, se non li hai già letti.

    RispondiRispondi
  4. Vote -1 Vote +1Graziano
    scrive:

    Fiesta l’ ho letto anni fa, molto bello, il vecchio e il mare secondo me è migliore :)

    RispondiRispondi
  5. Vote -1 Vote +1mihane
    scrive:

    es mui bonita libra

    RispondiRispondi

Trackbacks/Pingbacks

  1. Vote -1 Vote +1Less is more? Sì, ma non esagerare!

Lascia un commento