[Mac Book Pro] La sindrome della fidanzata che non rompe le scatole

Per quanto riguarda la frase “La sindrome della fidanzata che non rompe le scatole” mi piacerebbe riuscire a farla anche al maschile, c’è qualche donna che me la traduce?

Ma cosa é?

E’ semplice da spiegare: quando si parla di fidanzate, un argomento che viene spesso toccato è se la propria rompe o meno le scatole. Del tipo non ti fa uscire solo con gli amici, ti dice che prima o poi quel computer te lo butta dalla finestra, guai a parlare sempre di calcio.

Di solito c’è sempre uno nel gruppo che fa il saputello e che prende in giro gli altri del gruppo dicendo che lui è libero e che le ragazze degli altri sono delle rompi scatole.

Nel momento in cui lui si fidanzata, racconta a tutti che esce da solo con gli amici, sta al computer quanto vuole e parla sempre di calcio.

Ad un certo punto però anche la sua fidanzata si comporta in modo del tutto uguale a quelle dei suoi amici.

Quindi lui nasconde questo fatto, per non farlo sapere in giro.

Ovviamente, come detto all’inizio, mi piacerebbe raccontare la storia anche dal lato femminile.

Ora, questra sindrome, colpisce anche i possessori del Mac 😀

Prima denigrano tutti i possessori di Windows, dicendo che si blocca sempre, si riavvia senza motivi, ect ect. Poi elogiano le qualità del Mac, che non si rompe mai, che non si blocca ect ect.

Quando si iniziano a riscontrare i primi problemi con il Mac, si cerca di tenerlo nascosto, di non raccontarlo in giro.

Con un pochino di ricerche approfondite si scoprono invece una serie di problemi legati ad esempio al Mac Book Pro.

Io ne ho uno e vi assicuro che è sicuramente più stabile di un pc Windows, ma si blocca comunque, alcuni programmi quando vengono installati poi riavviano la macchina, sono state installate delle schede video difettose che colpiscono qualche Mac Book Pro ed ultimamente, dopo un anno e tre mesi mi si è rotto l’hard disk (fortuna che mi hanno recuperato i dati).

La mia esperienza con il Mac Book Pro è molto positiva, lo considero un prezioso strumento di lavoro, ma con i suoi problemi 🙂

Salvato in Apple, Mac

Tags: ,

Non perderti gli altri articoli di questo blog, sottoscrivi il Feed RSS. Seguimi su Twitter e FriendFeed.
Da Febbraio 2009 ad oggi: 4.206 views | Lascia un commento | RSS dei commenti | TrackBack URL

Dai uno sguardo in basso, hai molte opzioni per interagire, discutere e condividere questo articolo.

Segnalalo via Email Segnalalo via Email Print This Post Print This Post

7 Comments »

  1. Vote -1 Vote +1Gianluca S.
    ha detto:

    Lo stesso discorso vale per i fanboy delle varie distro Linux (di cui ammetto di essere stato parte anche io in tenera età).
    Il problema risiede (come per le fidanzate) nel fatto che nei primi tempi si vede solo il lato buono delle cose, poi, quando iniziano a saltare fuori le magagne, diventa dura ammettere di essersi sbagliati (anche con se stessi).

    Ci sono comunque fidanzate che rompono di più e altre che rompono di meno…

    RispondiRispondi
  2. Vote -1 Vote +1Enea
    ha detto:

    È sempre il discorso di “io ce l’ho più lungo”. Posso dire che la mia fidanzata non ha mai “rotto” le scatole. Io so gestirmi e comportarmi di conseguenza nelle situazioni. Passiamo del tempo assieme, il PC è uno svago che mi permetto se sono da solo. Quando la sera siamo a casa si sta assieme, al limite si legge svelto la posta o si fa qualche lavoro veloce e indolore. Di certo non monopolizzo il nostro tempo.

    Per quanto riguarda il Mac, ho sempre avuto problemi sia su Windows che su Mac (li uso entrambe da 15 anni). È più un fatto dell’utilizzo che se ne fa, che del “mac è migliore di win perchè non si blocca mai”. Il mac oggi lo uso quasi esclusivamente per “testare” determinate cose, tipo pagine web e programmi. Windows lo uso quasi per tutto.

    Chi fa di quei paragoni ha il cervello secondo me un pochino stagno a concetti molto adolescenziali 😛

    RispondiRispondi
  3. Vote -1 Vote +1pdellov
    ha detto:

    Per ora fortunatamente, da 1 anno e mezzo a questa parte, il mio Mac non si è mai piantato o rallentato.. ma.. c’è sempre un ma.. sto veramente nella cacca per quanto riguarda software seo che vorrei provare e a cui spesso e volentieri devo rinunciare per un motivo: girano su windows.. Ho XP virtualizzato in Parallels ma non vuole saperne di riconoscere la connessione di Alice(con doppia protezione) e quindi devo rinunciare a qualsiasi cosa richieda internet per funzionare.. Inoltre i test dei siti con Explorer sono molto molto lenti.. E non riesco a connetterlo in rete con Windows 7 in modo da avere la stampante condivisa.. Poche piccole cose, ma si fanno sentire 🙂

    RispondiRispondi
  4. Vote -1 Vote +1Giorgia
    ha detto:

    Ciao!!! Sono capitata su questo post per caso e vorrei tradurti “La sindrome della fidanzata che non rompe le scatole… al maschile. Sai qual è la cosa buffa? Almeno secondo me nel nostro caso è l’esatto contrario. Si sa a noi donne piace lamentarci ogni tanto e quindi noi quando stiamo insieme ci divertiamo nel parlare dei problemi che ci creano i nostri fidanzati e non l’inverso 🙂

    RispondiRispondi
  5. Vote -1 Vote +1Giorgiotave
    ha detto:

    😀 😀 😀

    RispondiRispondi

Trackbacks/Pingbacks

  1. Vote -1 Vote +1» MacBookPro: tutto quello che non è andato bene - Giorgio Taverniti Blog

1 Tweetbacks to “[Mac Book Pro] La sindrome della fidanzata che non rompe le scatole”

Leave a comment